PDF Stampa E-mail

Teatro delle Passioni

24, 25 novembre ore 21
26 novembre ore 20

 

AND IT BURNS, BURNS, BURNS
Quadro finale del Prometeo

progetto Simona Bertozzi, Marcello Briguglio

ideazione e coreografia Simona Bertozzi
musica Francesco Giomi

interpreti Anna Bottazzi, Arianna Ganassi, Giulio Petrucci, Giacomo Reggiani, Aristide Rontini, Stefania Tansini, Simona Bertozzi

Nexus 2016

con il contributo di Mibact e Regione Emilia-Romagna Fondo di Sostegno alla produzione e

distribuzione della Danza d’Autore Regione Emilia-Romagna 2015/2016

con il sostegno di Fondazione Nazionale della Danza / Aterballetto Centro di Produzione

 

 

L’ultimo lavoro di Simona Bertozzi, coreografa, danzatrice e performer con alle spalle diversi anni di attività nella compagnia di Virgilio Sieni, è dedicato alla trasposizione nella contemporaneità del mito di Prometeo.

And it burns, burns, burns è il quadro finale di un percorso che vede in scena interpreti adulti e adolescenti che hanno attraversato le tappe precedenti del progetto. Un corpo di ballo che trova nella danza un luogo di condivisione, socialità e vitalità. «Insieme – scrive Simona Bertozzi – per ribadire, del Prometeo, la consegna di un processo, di un agire che non esaurisce la sua pratica poiché teso all’urto e al turbamento dell’incedere in natura. La loro danza è territorio in cui far deflagrare le epifanie, le improvvise rivelazioni, la trama dei desideri, delle sorprese, l’impossibilità di un arresto. Si stratifica il sapere appena appreso per predisporsi alla vertigine successiva. C’è crescita, fermento ma anche fragilità e sbilanciamento, come di fronte a ciò che non si può prevedere. Il corpo in crescita si lancia e sovrappone a quello maturo. L’adulto osserva l’adolescente introiettando scariche elettriche e perentorie esercitazioni. Sono figure che non rivelano un’origine ma accostano provenienze e immaginari, territori, temperature, coordinate climatiche. Fanno esperienza di estensione e intensità. È una fiamma che non si estingue e, laddove la pratica e l’ostinazione fan sì che il codice possa essere metabolizzato, il movimento continua ad apparire fragile, teso all’incompletezza di una forma finale che, se mai raggiunta, non potrebbe accogliere la molteplicità delle trasfigurazioni, degli attraversamenti e delle visioni».

 
 
Tot. visite contenuti : 890922

Calendario

March 2017
S M T W T F S
26 27 28 1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31 1